Salviamo gli ulivi sulla Maglie-Otranto: informazioni utili

La petizione on line per salvare gli ulivi sulla Maglie-Otranto sta avendo un seguito nutrito, ma servono ancora moltissime firme: abbiamo contattato i promotori della petizione, sensibili al tema come tutti noi, i quali ci hanno spiegato che

gli ulivi da espiantare in totale sarebbero, secondo le ultime stime e valutazioni di carattere ambientale, circa 5.500 (in origine erano oltre 8.000)

di questi possono, al momento attuale, esser salvati solo 251 ulivi monumentali + 1500 (destinati a Comuni e privati) circa dato che

l’Anas ha stanziato, a questo scopo, 1.500.000 euro.

Per gli altri 4000 al momento non è stato stanziato un euro.

La petizione ha lo scopo di mostrare alle autorità competenti che c’è la volontà, massiccia, di popolo a salvare questo patrimonio naturale, ma anche, laddove ci siano chiare richieste in tal senso, la disponiblità e lo spazio per adottarli fisicamente.

La petizione on line si può firmare aprendo questo link: petizione salviamo gli ulivi della Maglie-Otranto

Ma anche inviando il testo di questa mail ai seguenti indirizzi:

segreteria.presidente@regione.puglia.it

presidenza@provincia.le.it

841148@stradeanas.it

testo della mail:

Salviamo gli ulivi della Maglie-Otranto
Almeno ottomila ulivi del Salento, di cui alcune centinaia secolari, saranno sradicati per far posto alla strada a quattro corsie tra Maglie e Otranto. Pur prendendo atto della dichiarata correttezza delle procedure fin qui seguite per realizzare il raddoppio della strada statale, non possiamo non rilevare come tale intervento alteri in maniera irrimediabile il paesaggio dell’entroterra di Otranto.
Anche per questo chiediamo di salvare tutti gli ottomila ulivi che si prevede di espiantare lungo il tracciato riposizionandoli nello stesso territorio a cui finora hanno dato beneficio con i loro frutti e con le loro chiome. Convinti come siamo che la creazione di nuove infrastrutture debba essere compatibile con la tutela dell’ambiente.
Chiediamo alle autorità locali e regionali di adoperarsi per garantire che le procedure per la realizzazione della strada assicurino la più piena tutela degli ulivi con il loro immediato reimpianto nel Salento, per non compromettere le opportunità di sviluppo sostenibile del territorio, evitando uno scellerato consumo delle preziose risorse ambientali che la storia ci ha consegnato.

Ricordiamo che i tempi sono un pò stretti, visto che l’inizio dei lavori è previsto per fine Marzo e già, come abbiamo indicato nel precedente post e si può evincere da questo video, stanno avvenendo “strane potature anomale” sugli ulivi a ridosso della carreggiata. Video: http://www.youtube.com/watch?v=dZmKMaE9Hlw&feature=player_embedded

Ricordiamo e sottolineamo l’importanza della petizione e dell’invio delle mail, per cui diffondete il più possibile la notizia, tra amici, parenti, vicini e lontani, fidanzati, mariti, mogli e affini… grazie.

E ricordiamo che…L’ulivo non è solo il simbolo iconografico della Puglia (e, per estensione, del Mediterraneo), è l’albero che testimonia oggi, sotto gli occhi di tutti, il millenario e vitale rapporto tra uomo e natura, la bellezza più naturale e metaforica che abbiamo al sud: un ulivo, come ben descrive Pino Aprile nel capitolo dedicato agli alberi del sud in Terroni, quando muore non scompare, ma rinasce in una nuova dicotomia, una nuova entità che si fa due, e poi quattro e così via (due radici, due tronchi…) ed è per questo che in alcune aree della Puglia ci sono ulivi che vantano circa tremila anni, a dispetto degli inverni, delle intemperie, delle bizze dell’uomo… tremila anni che l’uomo in Puglia cura la terra, la ama, e da essa ne è ricompensato. Molti degli ulivi che moriranno, perchè non si sa cosa farne e dove metterli, hanno superato il secolo di vita… Sculture naturali della terra nel tempo…

GRAZIE!!!

ps. AGGIORNAMENTO: l’Anas, che intendeva fare legna dei famosi 4000 ulivi eccedenti, vista la grande partecipazione popolare alla petizione e le numerose richieste di adozione, forse sta cedendo, come ci viene riferito da chi sta svolgendo le trattative. Tuttavia, al momento, pare che le spese eventuali per espianto/trapianto degli ulivi saranno a carico dei richiedenti. Nel salento si stanno organizzando e attrezzando per un eventuale trapianto in loco, che sarà controllato da un apposito comitato, e gestito da una cooperativa di giovani. Vi forniremo nuovi aggiornamenti appena ne avremo… grazie di tutto 🙂

Annunci

2 thoughts on “Salviamo gli ulivi sulla Maglie-Otranto: informazioni utili

  1. Ho condiviso più links che riportano questo preciso argomento, anche IO SUD lo ha diffuso, ho fatto ricerche sul tema..: http://www.facebook.com/photo.php?v=338830486162980 http://www.olivinopoli.it/ http://wp.me/pO74b-bGs
    Ora occorre sensibilizzare gli agricoltori, i proprietari terrieri, gli architetti paesaggistici, coloro che hanno terra e lo spazio necessario. Se pensiamo che molti ce li hanno rubati per ornamento di ville in tutta l’Italia! Vi ho cercati su fb dove le condivisioni si moltiplicano. Siete molto bravi e garbati ed oggi mi sarebbe più facile accedere da fb alle vostre notizie! Condividerò anche il vostro, naturalmente!

    • Ciao e grazie per i complimenti. Prossimamente pubblicheremo l’esito della vicenda che, a quanto pare, si sta concludendo nel migliore dei modi. Appena avremo notizie certe al 100% ne daremo voce… grazie ancora e ciao!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...