Per la serie Eccellenze dalla Terronia: i Boellis e Panama 1924

Dall’articolo del 24 Marzo 2011 (“Barbieri e cappellai, i Boellis firmano i panama presidenziali” di Anna Paola Merone) uscito sul Corriere del Mezzogiorno, apprendiamo che a Napoli dal 1924, esiste un brand che la rivista americana specializzata in articoli di lusso, Robb Report, ha consacrato tra i migliori di nicchia in Italia.Ma andiamo per ordine: chi sono questi Boellis? Nella home page del sito di Panama 1924 ci accoglie una foto d’epoca della Napoli come poteva esser apparsa a don Antonio Boellis, pugliese d’origine, figlio di sarto, che sceglie di emigrare in quella che fino a qualche tempo prima era stata la capitale di un Regno, per cercar fortuna. E a quanto pare, gli è andata bene… in primo piano ci accoglie una silhouette, immaginiamo del signor don Antonio, che cammina dinoccolata con un Panama “sulle ventitrè”, e , sulle note di Erik Satie, scorrono queste parole:

Che caldo torrido quel giorno… un uomo camminava sul lungomare assolato, aveva preferito passeggiare piuttosto che salire su di una carrozzella, voleva godersi lo spettacolo della sua nuova città: Napoli. Con sè, sempre il suo cappello – Panama – un pò stropicciato, quasi in disuso, ma sempre elegante. Era il 1924, in quegli anni il mestiere del barbiere si affiancava spesso a quello di profumiere. E così quell’uomo munito di nient’altro che di arnesi e di acqua di colonia attraversava la città. quell’uomo era Antonio, mio nonno. Da lui Panama 1924… Michele Boellis

Michele e Antonio oggi sono i nipoti di don Antonio che aprì il salone, e i figli di don Peppino che negli anni 60′ trasformò il salone del padre in un vero e proprio salotto per signori, al secondo piano di un lussuoso palazzo nel centro di Napoli, in via Vetriera a Chiaia n°9.

Scopriamo così che il marchio Panama 1924 nel mondo è sinonimo di lusso: lo dice il Robb Report nel 2003 decretandolo uno dei migliori prodotti di nicchia italiani; lo dice il Cosmoprof 2005 che nella rassegna Masterpiece lo elegge tra i primi 6 migliori marchi italiani di profumeria nel mondo. Lo dicono gli illustri aficionados dell’attività e dei prodotti Panama 1924: Giorgio Napolitano, Paolo Villaggio, Carlo Azeglio Ciampi, Katia Ricciarelli, Fiorello, imprenditori e nobili del sud Italia e di tutto il mondo.

Scopriamo così che i terroni sanno essere poeti anche quando tagliano barba e capelli, e che nel mondo di fuori, dove forse non fanno molta differenza tra terroni e polentoni, conta più un cappello fatto a mano, ma con gusto ed eleganza, delle dicerie e gli stolti pregiudizi di lombrosiana memoria…. che bellezza!

fonte: http://terronia.wordpress.com      blog di Angela Teresa Girolamo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...